Vai ai contenuti

angelo 44 Yelahiah

72 angeli
ANGELO YELAHIAH
Le tre lettere del Nome di Yelahiah

CONQUISTA

Ogni essere brama la pace. Eppure, per conquistarsela, talvolta deve combattere. Ci piacerebbe vivere in tranquillità, ma vi sono situazioni che richiedono tutta la nostra forza, insieme al coraggio di esporci. Soprattutto richiedono la giusta conoscenza di ciò che vorremmo contrastare. La comprensione del male, infatti, produce in noi le energie migliori per affrontarlo: non si può sconfiggere ciò che non si conosce.
Ma spesso siamo proprio noi a negarci la pace! Combattere per il bene significa in primo luogo conquistare se stessi. Non possiamo fare nulla per gli altri se prima non abbiamo fatto qualcosa per noi.
Yelahiah è un "pensiero divino" messo a disposizione dei nati da 5° a 10° Scorpione (dal 29 ottobre al 2 novembre circa).
Secondo la Tradizione, questi sono i loro doni:
Energia dirompente. Forza, coraggio, fermezza.
Consapevolezza del proprio valore.
Determinazione nell’affrontare le avversità.
Attitudine a condurre e guidare il prossimo. Ambizione.
Capacità di valutare in modo correttoi propri ideali e quelli altrui.
Il dono dell'angelo è un'inclinazione, una tendenza, e può essere accettato o non preso in considerazione: siamo sempre liberi di scegliere cosa fare del nostro potenziale.
Anche se di solito ne conosciamo uno soltanto, gli angeli di nascita sono tre e si possono individuare in base al momento in cui veniamo al mondo. Indagare i loro doni e le loro caratteristiche ci dà una stupenda chiave di lettura del nostro modo di essere. Ma anche la conoscenza approfondita di uno solo dei tre angeli può gettare lampi di luce all'interno di noi stessi. Se vuoi intraprendere questa magnifica avventura alla ricerca dei tesori nascosti dentro di te, contattami. Ne resterai sorpreso e affascinato.

ciondolo-talismano Yelahiah Lunadivetro
Le tre lettere che compongono il Nome di Yelahiah sono contenute, insieme al Tetragramma, in questo versetto:
«Signore, gradisci le offerte delle mie labbra,
insegnami i tuoi giudizi»
Testi di Maria Antonietta Pirrigheddu
© Proprietà letteraria riservata
Torna ai contenuti