Vai ai contenuti

angelo 47 Asaliah

72 angeli
ANGELO ASALIAH
Le tre lettere del Nome di Asaliah

CONTEMPLAZIONE

Bisogna andare oltre la superficie, per trovare l’essenza delle cose e degli esseri.
Contemplare significa avere la capacità di guardare – e di vedere – in modo diverso. È lo sguardo che si eleva grazie al fuoco della conoscenza.
La contemplazione permette di scorgere Dio in ogni creatura, anche la più insignificante, di vederlo ovunque si posi lo sguardo. Non è riservata ai mistici o agli eremiti. Al contrario è un richiamo per noi, uomini immersi nel mondo, affinché diveniamo consapevoli che ogni cosa esistente è riverbero del volto divino e sua manifestazione.
Asaliah è un "pensiero divino" messo a disposizione dei nati da 20° a 25° Scorpione (dal 13 al 17 novembre circa).
Secondo la Tradizione, questi sono i loro doni:
Chiarezza, logica e profondità di pensiero. Capacità di utilizzare l’intuizione per dar forma al proprio essere.
Perspicacia. Capacità di approfondire ciò che si agita dentro le persone o le situazioni.
Passione per la conoscenza. Interesse per l’esoterismo e per tutto ciò che è sconosciuto ai più.
Propensione a capire “oltre” e ad elevarsi grazie a questo.
Attitudine ad istruire e rivelare.
Il dono dell'angelo è un'inclinazione, una tendenza, e può essere accettato o non preso in considerazione: siamo sempre liberi di scegliere cosa fare del nostro potenziale.
Anche se di solito ne conosciamo uno soltanto, gli angeli di nascita sono tre e si possono individuare in base al momento in cui veniamo al mondo. Indagare i loro doni e le loro caratteristiche ci dà una stupenda chiave di lettura del nostro modo di essere. Ma anche la conoscenza approfondita di uno solo dei tre angeli può gettare lampi di luce all'interno di noi stessi. Se vuoi intraprendere questa magnifica avventura alla ricerca dei tesori nascosti dentro di te, contattami. Ne resterai sorpreso e affascinato.

ciondolo angelo Asaliah Lunadivetro
Le tre lettere che compongono il Nome di Asaliah sono contenute, insieme al Tetragramma, in questo versetto:
«Quanto sogno grandi, Signore, le tue opere.
Tutto hai fatto con saggezza, la Terra è piena delle tue creature»
Testi di Maria Antonietta Pirrigheddu
© Proprietà letteraria riservata
Torna ai contenuti