angelo 49 Vehuel - Lunadivetro

Vai ai contenuti
VEHUEL
Le tre lettere del Nome di Vehuel
ELEVAZIONE E GRANDEZZA
Si può dire che l’elevazione sia figlia della grandezza. È “grande” chi è puro nel cuore e nell’animo, e l’elevazione è la grandezza che esce da se stessa per gettare uno sguardo vigile sul mondo e sugli esseri. Chi sviluppa questo dono non si compiace di se stesso; piuttosto vive nell’attenzione per quanto lo circonda, portando aiuto e sostegno dove necessario.
Vehuel è un "pensiero divino" messo a disposizione dei nati da 0° a 5° Sagittario (dal 23 al 27 novembre circa).
Secondo la Tradizione, questi sono i loro doni:
Indole generosa e disponibile. Grande amore per i bambini e per gli animali.
Attitudine per l’insegnamento. Sensibilità, intuito.
Capacità di consolare e di addolcire gli animi.
Ampi orizzonti; tendenza ad essere sempre “un passo oltre”.
Consapevolezza delle proprie ricchezze interiori.
Il dono è un'inclinazione, una tendenza, e può essere accettato o non preso nemmeno in considerazione. Siamo noi a decidere cosa sviluppare, lasciandoci condizionare dall'ambiente esterno o scegliendo di liberare tutto il nostro potenziale.
Solitamente conosciamo il nome di un solo angelo di nascita, ma in realtà essi sono tre e si possono individuare in base al momento in cui siamo venuti al mondo. Indagare i loro doni e le loro caratteristiche ci dà una stupenda chiave di lettura del nostro modo di essere. Ma anche la conoscenza approfondita di uno solo dei tre angeli può gettare lampi di luce all'interno di noi stessi, guidandoci a capire meglio ciò verso cui ci muoviamo.
Se vuoi intraprendere questa magnifica avventura alla ricerca dei tesori nascosti dentro di te, contattami e ti metterò a disposizione uno strumento importante. Ne resterai sorpreso!
talismano angelo Vehuel Lunadivetro
Le tre lettere che compongono il Nome di Vehuel sono contenute, insieme al Tetragramma, in questo versetto:              
  «Grande è il Signore e degno di ogni lode,
la sua grandezza non si può misurare»
Testi di Maria Antonietta Pirrigheddu
© Proprietà letteraria riservata
Torna ai contenuti