angelo 52 Imamiah - Lunadivetro

Vai ai contenuti
IMAMIAH
Le tre lettere del Nome di Imamiah
APPRENDIMENTO DAGLI ERRORI
Si commettono errori anche a danno della propria persona, ma prevalentemente è il prossimo ad esserne colpito. Si correggono con la volontà di porvi rimedio, non solo concretamente ma soprattutto con l’impegno a non ripeterli. Ciò è possibile solo quando si riesce a comprendere cosa ci ha spinto a commetterli. Gli errori riparati costituiscono un grande arricchimento personale.
Imamiah è un "pensiero divino" messo a disposizione dei nati da 15° a 20° Sagittario (dall'8 al 12 dicembre circa).
Secondo la Tradizione, questi sono i loro doni:
Capacità di liberarsi da abitudini o inclinazioni sbagliate.
Coraggio e pazienza nell’affrontare le avversità.
Desiderio di mettere a disposizione del prossimo le comprensioni acquisite, per evitargli le stesse esperienze.
Generosità, altruismo.
Capacità di ritrovare la giusta via. Buona autostima.
Il dono è un'inclinazione, una tendenza, e può essere accettato o non preso nemmeno in considerazione. Siamo noi a decidere cosa sviluppare, lasciandoci condizionare dall'ambiente esterno o scegliendo di liberare tutto il nostro potenziale.
Solitamente conosciamo il nome di un solo angelo di nascita, ma in realtà essi sono tre e si possono individuare in base al momento in cui siamo venuti al mondo. Indagare i loro doni e le loro caratteristiche ci dà una stupenda chiave di lettura del nostro modo di essere. Ma anche la conoscenza approfondita di uno solo dei tre angeli può gettare lampi di luce all'interno di noi stessi, guidandoci a capire meglio ciò verso cui ci muoviamo.
Se vuoi intraprendere questa magnifica avventura alla ricerca dei tesori nascosti dentro di te, contattami e ti metterò a disposizione uno strumento importante. Ne resterai sorpreso!
talismano angelo Imamiah Lunadivetro
Le tre lettere che compongono il Nome di Imamiah sono contenute, insieme al Tetragramma, in questo versetto:              
  «Loderò il Signore per la sua giustizia,
e canterò il nome di Dio, l'Altissimo»
Testi di Maria Antonietta Pirrigheddu
© Proprietà letteraria riservata
Torna ai contenuti