Vai ai contenuti

angelo 53 Nanael

72 angeli
ANGELO NANAEL
Le tre lettere del Nome di Nanael

COMUNICAZIONE SPIRITUALE

Quando riesce ad entrare in uno stato di sereno silenzio, l’uomo può sentire la Voce interiore. Riuscire ad ascoltarla significa unirsi a quella stessa Voce, in un dialogo profondo che non ha bisogno di parole perché si svolge tramite l’anima e il cuore. Questa è la comunicazione spirituale.
La Voce interiore raccoglie l’essenza di ogni creatura, e non solo di quelle che popolano il piano terreno. Grazie alle indicazioni che giungono dai piani più alti di esistenza, l’uomo diviene capace di elevarsi e di rendersi utile.
Nanael è un "pensiero divino" messo a disposizione dei nati da 20° a 25° Sagittario (dal 12 al 17 dicembre circa).
Secondo la Tradizione, questi sono i loro doni:
Capacità di percepire il sentire collettivo e di tenerne conto col proprio modo di vivere.
Propensione a giudicare con clemenza.
Predisposizione per la ricerca spirituale e per lo studio delle scienze esoteriche.
Amore per la natura. Capacità di concepire e realizzare opere importanti.
Attitudine per la meditazione e la contemplazione.
Il dono dell'angelo è un'inclinazione, una tendenza, e può essere accettato o non preso in considerazione: siamo sempre liberi di scegliere cosa fare del nostro potenziale.
Anche se di solito ne conosciamo uno soltanto, gli angeli di nascita sono tre e si possono individuare in base al momento in cui veniamo al mondo. Indagare i loro doni e le loro caratteristiche ci dà una stupenda chiave di lettura del nostro modo di essere. Ma anche la conoscenza approfondita di uno solo dei tre angeli può gettare lampi di luce all'interno di noi stessi. Se vuoi intraprendere questa magnifica avventura alla ricerca dei tesori nascosti dentro di te, contattami. Ne resterai sorpreso e affascinato.

talismano angelo Nanael Lunadivetro
Le tre lettere che compongono il Nome di Nanael sono contenute, insieme al Tetragramma, in questo versetto:
«Signore, so che giusti sono i tuoi giudizi,
e con ragione mi hai umiliato»
Testi di Maria Antonietta Pirrigheddu
© Proprietà letteraria riservata
Torna ai contenuti