Commedie di Marcuccio Achenza raccolte in un volume dai Lions - Lunadivetro

Vai ai contenuti

Mercoledi 22 luglio 2009
Iniziativa per onorare lo scrittore dialettale scomparso di recente

Commedie di Marcuccio Achenza
raccolte in un volume dai Lions
      
   TEMPIO. "Ca no à nudda di fa pidda la gjatta a pittinà": per chi non conoscesse il gallurese: "chi non ha niente da fare pettina il gatto". È intitolata così la raccolta delle commedie scritte in vernacolo dal compianto Marcuccio Achenza.
   La raccolta dell'autore scomparso di recente, è stata pubblicata per iniziativa del Lions Club cittadino, che ha voluto in questo modo onorare la figura e ricordare l'operato del commediografo tempiese.
   In sessant'anni di attività, Marcuccio Achenza ha fatto divertire più generazioni di concittadini, che assistevano sempre numerosi alle rappresentazioni delle sue brillanti commedie, i cui personaggi erano interpretati da un affiatato gruppo di improvvisati, ma bravi attori locali, tra cui si sono distinti, negli ultimi vent'anni, il figlio dell'autore, Paolo Achenza, e Maria Antonietta Pirrigheddu.
   Delle commedie messe in scena dalla Filodrammatica Gallurese, fondata dallo stesso autore tempiese e diretta oggi con passione dalla figlia Margherita, particolare successo ebbero "L'amori no è ciudda" e "Lu 13 a lu totocalciu".
   Il volume in memoria di Marcuccio Achenza, curato da Giovanni Maria Pasella, è stato presentato nei giorni scorsi nel corso di un'apposita serata organizzata nell'Ufficio turistico del Comune dai Lions.
(Giuseppe Cancedda)
Torna ai contenuti