Vai ai contenuti

Uno spettacolo di cabaret, magia, musica

Rassegna stampa

Mercoledi 4 gennaio 2012

Domani al teatro del Carmine il varietà che vuole far convivere i diversi stati d'animo dell'uomo.
Inizio alle 21
Per Almunìa
"La magia della vita è il trasformismo"

L'associazione di spettacolo L'AlmuniaTEMPIO. Un varietà all'insegna dell'Italia che va e dei tempi che corrono. Questo è il messaggio veicolato nello spettacolo "La magia della vita è... il trasformismo" che domani Almunìa presenterà, alle 21, al Teatro  del Carmine. Uno spettacolo che, secondo Antonio Masoni, presidente e direttore artistico dell'associazione, non sarà il doppione dei precedenti: «Si tratta di un viaggio dal sapore agrodolce nel variegato campo dell'espressione artistica, dal canto alla recitazione, alla coreografia e alla magia. Il senso è quello di far convivere i diversi stati d'animo dell'uomo, che nel proprio quotidiano va dalla risata alla disperazione. Il tutto senza passare attraverso un unico racconto teatrale, ma con una serie di sketch e personaggi, spesso strampalati, che in chiave grottesca e paradossale, raccontano della loro vita».
Una formula già sperimentata a San Teodoro, dove lo spettacolo proposto suscitò consensi e sorrisi. «Seppure apparentemente non legati - spiega Masoni - i vari personaggi dello spettacolo vengono alla fine a confluire in un unicum che sa di dolce e di amaro, come è sempre la nostra vita, un continuo guerreggiare tra questi due opposti sentimenti». Il filo conduttore è il racconto delle tante metamorfosi che, con differenti accenti di umore, scandiscono la quotidianità.
Gli artisti sono Elena Delussu, Patrizia Pitzianti, Mari Pirrigheddu, Mauro Savigni, Laura Pirrigheddu, Giovanni Antonio Puliga, Monica Azzena, Maria Laura Aisoni, Antonio Masoni, MagoPirri, Gian Luca D'amico, Agostina Ferrari, Laura Usai e Zia Micalina; ai suoni Gianmario Fresi, alle riprese Sebastiano Deiana.
(Giuseppe Pulina)
Torna ai contenuti