16-Senza padrone - Lunadivetro

Vai ai contenuti
Laladì   

Mando questa poesia e la dedico a tutti coloro che vivono per un mondo migliore
viva l'amore

SENZA PADRONE

Cammino sopra la pelle del tempo
per la gioia di quel sole
Che non splende ancora

sul muro per tutti che c'è da guardare
si sta svolgendo LA CORSA dei potenti
trainati da cani furiosi

Accenditi
Accendi le mani
Accendi il buio
Accendi gli occhi che desiderano luce
Accendi la voce che manca ai sospiri
Affinché L'inizio e la fine
Siano un granello di sabbia  
Affinché  gli occhi  gioiscano come il sole
Per tutto ciò che è Senza padrone

Alberi
nel vento
Rimangono solo loro
Le loro ombre
Sono dense e pesanti
Fluide
Senza rumore
buio da raggiungere  e cacciatore

Vento
Svela l'odore
Che non svanisce

Volano Ricordi
Che attraversano il tempo
Come pesci in una gola
Prosciugata

Un fiume perduto
Scorre nel vento
Senza padrone
.
Torna ai contenuti