235-Non so qual è la mia strada - Lunadivetro

Vai ai contenuti
scritto da:   Laura   

     Sto lasciando il mio segno... molte volte si vorrebbero scrivere tante cose... per far capire e condividere le proprie emozioni e sensazioni a chi legge... ci immergiamo in noi stessi per trovare la parola giusta... o la frase che colpisca il lettore... e forse ci si domanda se quello che scriviamo abbia lasciato il segno a qualcuno... (sicuramente)... ho letto quello che hai scritto riguardo la propria strada da intraprendere... e indovina come tanti non so qual è la mia strada... non riesco a capire qual è... ho chiesto aiuto anche agli angeli ma forse la mia intelligenza non è stata abbastanza sveglia da cogliere quell'aiuto... scrivo questo non per avere una risposta alla mia confusione attuale ma solo per.... sfogarmi... per entrare ancora di più dentro di me!
     Se ti sembreranno parole di una persona negativa e frustata è quello che sono, ma dopo tutto so che il sorriso toglie qualsiasi frustrazione, e quella è la mia arma! Grazie di avermi ascoltato!

 Risponde Lunadivetro

     Le parole lasciano sempre il segno. Bisognerebbe però chiedersi se è un segno positivo o negativo!
     Non puoi pensare di essere incapace di ascoltare i suggerimenti che vengono dall'Alto. Il fatto è che la strada non si "trova" con uno schiocco di dita. Non si apre davanti all'improvviso. Spesso le strade si aprono partendo dalle piccole occasioni; la scopriamo man mano dando importanza alle piccole cose. E invece è proprio questo ciò che spesso tralasciamo: l'importanza delle piccole cose. L'una dietro l'altra, sono queste ad indicarci il nostro percorso di vita.
     La strada è la realizzazione personale. Ma questa non è già pronta da qualche parte, non è qualcosa che si possa "trovare" qui o là. La realizzazione va costruita passo dopo passo. E per farlo sono necessari fermezza, coraggio, volontà, voglia di vivere. Perciò continua a chiedere aiuto, e soprattutto sviluppa la convinzione di poter essere e fare.
     Questo tuo non è un semplice sfogo. Io ti invito invece a far tesoro di quanto hai scritto, di rifletterci su e di agire di conseguenza. Ricordati che la strada non si trova, ma si costruisce; e quando questa strada va sempre e solo in salita, significa che ci siamo persi le pianure... in altre parole abbiamo preso scorciatoie sbagliate, magari volendo tutto e subito o dando la responsabilità della nostra mancata realizzazione alla sfortuna o al caso.
     Puoi approfondire qui: "Trovare la propria strada"
Torna ai contenuti